Federica_Brignone_gallery_32

Sponsors

SPONSORS

I primi sponsor sono stati papà e mamma, su questo dubbi non ce ne sono, e il fatto che entrambi abbiano sempre lavorato nel mondo dello sci ci ha facilitato non poco le cose, perché grazie alle loro conoscenze, e al fatto che mia madre era stata una campionessa di sci, avere materiale è stato più semplice. Andando avanti con gli anni è però soprattutto grazie ai miei risultati se ho trovato chi mi regalava volentieri sci e attrezzature varie.

Tante le persone a cui voglio dire grazie, il primo è Monsieur Roger Abondance, grande progettista di Rossignol (mi dicono fosse l’uomo che faceva gli sci per Alberto Tomba!) che nel 1992 mi fece avere un paio di sci fatti apposta per me. C’è una foto nell’album FEDERICA che mi ritrae nella casa di Milano al momento della consegna. Poi un grazie va a Roberto Cristoforetti, che ha iniziato la sua carriera in Lange sistemando gli scarponi di mia mamma e mi ha sempre seguito con simpatia e grande competenza.

Più recentemente devo dire grazie a Michele Calcaterra, il primo a credere e ad investire su di me con una sponsorizzazione individuale. Il marchio E-Capital Partners mi ha accompagnato nel debutto in coppa del mondo, non certo vincente per me ma per le mie compagne sì visto che a Lienz, nel dicembre 2007, Denise Karbon vinse il gigante e Chiara Costazza lo slalom. Un trionfo!

Ora il mio sponsor è Banca Generali e per questo devo dire grazie soprattutto ad Antonio Nicastro, mio grande tifoso, che si è prodigato per mandare in porto questo accordo. Spero che questo prestigioso marchio, da sempre molto legato al mondo dello sport, possa accompagnare tutta la mia carriera!

Devo molto al Centro Sportivo Carabinieri che mi ha arruolata quando avevo 17 anni, mi dispiace non avergli potuto regalare una medaglia d’oro ai Mondiali Militari che si sono svolti a Gressoney nel 2010, quei giorni andavo forte ma non sono mai riuscita a fare le ultime porte! Mi sono in parte rifatta nel 2011 a Garmisch e spero in futuro di salire su altri podi importanti…

Per i miei risultati grande merito ha avuto lo sci club Courmayeur Monte Bianco, nel quale sono cresciuta.

Non sono stati miei sponsor, ma in pista mi hanno insegnato ad amare lo sci. Un grazie di cuore va a tutti gli allenatori che ho avuto: Monica Berthod, Paolo Broglio, Andrè Grivel, Stefania Perrod, René (che mi accompagnò alla per me gloriosa e soroprendente trasferta del Topolino nel 2005), Laurent e Arturo Jacquemod, Osvaldo Picchiottino, Andrea Plat, Renato Xausa (mio allenatore l’anno del mio primo titolo italiano), Marcella Biondi, Alex Sabolo, Alessandro Aprato, Ettore Mosca Barberis ed Emanuele Ravano. Grazie anche ad Andrea Noris, mago degli sci, che mi ha seguito parecchi anni e che ancora oggi mi dà una mano quando ho bisogno di aiuto, e a Rudy Picchiottino, responsabile tecnico dello sci club.

Un grazie davvero speciale va a Franz Fassin che mi ha seguita parecchi anni: a lui sono legati la maggior parte dei ricordi più divertenti della mia carriera giovanile. Oggi mi è sempre vicino con il suo tifo.

Poi c’è Ivan Nicco, determinante per la mia riuscita: lui mi ha veramente fatto capire cosa vuol dire allenarsi e puntare in alto. Purtroppo ho sciato con lui solo un anno in Comitato, mi ha fatto andare talmente forte che sono entrata subito in nazionale…

Grazie a tutti gli allenatori che ho avuto in squadra, da Sepp a Simone, a Beuch, Luca, Corrado, Angelo, Claudio, dt nel 2011, Beppo, Stefano, importantissimo, Paolo, anche fantastico compagno di lunghi viaggi, il Doc, Cesare, Alessandro, Raimund, Livio e Alberto… E infne grazie ai miei attuali allenatori Gianluca, Muzza, Luca, Angelo e il DT Massimo Rinaldi.

E che dire dei miei skimen, Nicola Martini (con lui il mio primo podio in coppa) e Juri Hofer, che mi ha seguito dal 2010 al 2012, grandi uomini che stanno sempre dietro le quinte, ma sono fondamentali per poter dare il massimo in pista e per provare a vincere… Non ci sono ancora riuscita, chissà che non succeda con il mio attuale skiman, Mauro Sbardellotto, uno che in carriera ha fatto vincere così tanto… Eh sì, e ora posso finalmente dire che ha fatto vincere anche me!!

Grazie poi a Roberto Manzoni, Claudio Bastrentaz e a Michaela Abart, che in passato mi hanno supportato/sopportato dal punto di vista atletico: un’impresa.

Fondamentale è, e spero sarà sempre, Gigi Devizzi che mi rimette in sesto quando mi sembra di essere a pezzi.

L’ultimo grazie, il più importante, va alla mia famiglia: a mio fratello Davide, che mi ha sempre stimolato a dare il massimo perché facendo sport assieme non volevo essere peggio di lui (che è bravissimo in tutto!); alla mamma, che è soprattutto un’amica e un grande aiuto per le cose pratiche della mia vita, e al papà Daniele che mi ha allenato in sci club quando ero cucciola e che tuttora mi dà consigli tecnici unici e preziosi. Come anche la mamma non mi ha mai spinto, non ha mai preteso risultati e ha sempre creduto in me: anche quando beccavo 6 secondi diceva che la mia sciata era ok e che mi avrebbe portata lontano…